10.2.14

I cornetti sfogliati, quelli del bar!

Fuori la pioggia non smette di cadere,
pile di libri sul divano sfogliati,
un gatto dorme accanto alla cucina a legna,
mentre io me ne sto a bere una tazza di caffè,
con un vecchio libricino di mamma sulle ginocchia,
aspettando il tempo di lievitazione di questi deliziosi cornetti. 


Sono le 5 di mattina, e non ho altro da fare se non aspettare.
La pasta è in frigo, ormai mi manca un solo giro di pieghe. 
Sto sveglia dalle 3, ma si sa, la prima volta bisogna fare attenzione a tutti i passaggi, tanto si è già sicuri di sbagliare qualcosa.
Ogni volta che riprendo a lavorare la pasta, soffice e chiara, mi tremano le mani.
Una piega, andata. La seconda, andata.
E' il primo lievitato, il primo vero lievitato della mia vita. Sono davvero emozionata!
Fatto con l'impastatrice, il lievito fresco e tutto il resto.. roba da professionisti ;)
 Mesi fa ho preparato un pan brioche integrale farcito con la crema al formaggio e le more, il tutto completato da una glassa al''acqua di rose, nulla di che, davvero. Era fatto con il lievito di birra secco, e l'intera preparazione non mi ha impegnato più di un pomeriggio. (provatelo però, è buonissimo e molto semplice, tra l'altro era ancora il periodo in cui illustravo tutti i passaggi delle ricette, cosa che adesso non ho più tempo di fare..)
Giustamente non potevo limitarmi a fare un pane normale, nooo.. così mi sono detta, mettiamoci alla prova! facciamo i cornetti sfogliati, che vuoi che sia?!?!
Appunto. Una baggianata (si fa per dire..).. se non fosse che poi sbaglio a tagliare i triangoli isosceli e mi vengono fuori cornetti extra large!!!! Solo io posso fare delle ciofeche simili :) fortuna che erano solo tre.. i primi tre cornetti, enormi, ma buonissimi.
La ricetta, ovviamente, è quella di Paoletta.. avevo anche pensato di cambiare qualcosa, poi per fortuna la mia coscienza mi ha riportato con i piedi per terra :)


Ingredienti per circa 16-18 cornetti: (ricetta di Paoletta)
250 g farina manitoba
250 g farina 00
75 g zucchero
75 g burro
5 g sale
2 uova piccole
1 limone (buccia)
1 arancia (buccia)
115 g acqua (io ne ho dovuti usare circa 130)
18 g lievito di birra fresco
-
200/225 g burro (per la sfogliatura)

Alla sera: 
-(ore 19:30)
Impostate il vostro frigo ad una temperatura tra 6° e 8° C.
Sciogliete il lievito nell'acqua. Nel frattempo setacciate le farine. Mettete circa 2/3 delle farine nella planetaria con il lievito e l'acqua, quindi iniziate ad impastare. Aggiungete un uovo e inglobatelo bene; aggiungete anche l'altro e amalgamate finchè non sarà ben assorbito. Procedete aggiungendo quasi tutta la farina rimasta (tenetene da parte un paio di cucchiai) e lo zucchero. Incordate bene impastando circa 10 minuti, l'impasto dovrà essere sodo ed elastico. A questo punto unite il sale, ad assorbimento il burro tagliato a pezzetti, le bucce degli agrumi e la farina rimasta. Impastate bene per altri 15 minuti fino a completa incordatura. 
Ponete l'impasto in una ciotola, copritelo bene con della pellicola e mettetelo in frigorifero per circa 8 ore. (in questo modo la lievitazione verrà rallentata ma al mattino l'impasto sarà comunque cresciuto).

Alla mattina: 
-(ore 3:30)
Togliere il burro dal frigo e metterlo tra due panni precedentemente bagnati con acqua gelida e ben strizzati! Lasciatelo così per almeno 20 minuti. 
Burro e impasto dovranno avere la stessa consistenza
-(ore 4:00) - Il pacchetto:
Prendete l'impasto dal frigo e stendetelo in un quadrato, quindi modellate il panetto di burro nel modo più regolare possibile, facendo in modo che posizionando quest'ultimo sull'impasto rimangano circa 4 cm dal bordo. Ad uno ad uno sollevate i lembi dell'impasto non coperti dal burro e posizionarli su quest'ultimo ricoprendolo completamente, premendo dolcemente.
A questo punto avrete ottenuto il pestello, perfettamente quadrato.
-(ore 4:15) - Le girate: (necessarie per unificare pasta e burro, sovrapponendoli in strati sottilissimi, ecco perchè panetto e burro devono avere la stessa consistenza)
Spolverizzate con un velo di farina il piano di lavoro e il quadrato di pasta e burro, e col mattarello spianate il quadrato allungandolo davanti e voi in una striscia di circa 8 mm di spessoreRipiegate sul centro la terza parte del rettangolo più vicina a se e premetela leggermente col mattarello. Piegatevi sopra l'altro terzo del rettangolo di pasta e di nuovo passarvi lievemente il mattarello, ma senza premere troppo.Otterrete così, di nuovo, un rettangolo; fategli fare un quarto di giro in modo che il dorso delle pieghe vengano a trovarsi alla vostra sinistra. 
Ecco fatta la prima piega!
Coprite con la pellicola il panetto ottenuto e mettetelo in frigo per 30 minuti.
-(ore 5:00)
Tirate fuori il panetto e ricominciate dal punto precedente (spolverizzate il piano, spianate davanti a voi, piegate un terzo, .. e bla bla bla.. :D). 
Ecco fatta la seconda piega!
Ricoprite con la pellicola e mettete in pacchetto ottenuto in frigo per altri 30 minuti. 
-(ore 5:30)
Tirate fuori il panetto dal frigo e ripetete per la terza e ultima volta il punto precedente (spolverizzate il piano, spianate davanti a voi, piegate un terzo, .. e bla bla bla.. :D). 
Ecco fatta la terza piega!
-(ore 6:00) E' arrivata l'ora di formare i nostri cornetti!
Stendete il panetto in un rettangolo lungo e stretto nel modo più regolare possibile, ad uno spessore di circa 7/8 mm. Tagliatelo in triangoli isosceli che abbiano come basa una misura di circa 8/10 cm. Praticate un taglio di 1 cm e 1/2 circa al centro della base e formate i cornetti, tirando leggermente e delicatamente con le mani, più lungo è il triangolo più giri si riescono a fare e più bello viene esteticamente. Iniziate avvolgendo stretto, partendo dalla base verso la punta e allargando il taglio, facendo in modo di far capitare la punta sulla parte anteriore e sotto il cornetto, altrimenti in lievitazione o in cottura si solleva troppo. Dopo aver arrotolato, curvare leggermente le punte laterali verso di voi. Per la formatura guardate pure QUI, quella dei croissant.
Ora appoggiate i cornetti su una placca coperta da carta forno, copriteli con della pellicola e fateli lievitare per circa 2 ore e 45' o 3 ore (dipende dalle temperature in casa) non di più! (li vedrete belli gonfi gonfi!)
-(ore 9:00).. in forno!
Spennellateli poi con un uovo sbattuto, molto delicatamente, spolverateli con dello zucchero, ed infornateli a 220° C per circa 5/6 minuti, dopodichè abbassate a 180° C e proseguite la cottura fino a quando il cornetto è bello dorato, circa 8/9 minuti, dipende dal forno. Farli raffreddare completamente su una gratella.


Ed eccoci qui, sono le nove e mezza e direi che è arrivata l'ora di fare una buona e sana colazione :)
Io li ho farciti dopo averli cotti con della marmellata di more al timo, che dire, ottimi!
La soddisfazione di vederli lievitare e dorare mentre sono in forno vale tutte le ore di attesa! Cercate di non affrettare i tempi e prendetevi con calma, ogni procedimento va fatto con cura.. i cornetti sono delicati e pretendono di essere trattati bene!


Ho trovato questo vecchio libretto di mamma, la scrittura è un po' indecifrabile (che siano geroglifici?!?) ma sono riuscita a leggere qualche parola.. credo siano delle poesie.. so che sono belle parole, che vengono dal cuore.. e questo mi basta :) così, tra un boccone e l'altro, una buona tazza di caffè latte, ho assaporato anche un po' della gioventù di Mamma :)


E' arrivato un raggio di sole, finalmente ha smesso di piovere. che siano stati i cornetti? bah, maglio così :)
Ora vi lascio, che la settimana è lunga, e non posso trattenermi oltre, chiudo il libro, e ripongo la penna.


Per quanto riguarda i cornetti, sono finiti nel giro di due giorni :)
come prima volta mi ritengo molto soddisfatta anche se di strada ne ho ancora molta da fare, soprattutto nella sfogliatura: imparerò :) non vedo l'ora di rifarli!

Alla prossima,
Buona giornata,
Silvia

43 commenti:

  1. Tesoro ma che brava!!!I cornetti lievitati li ho provati anch'io una sola volta e sono effettivamente una faticaccia ma vuoi mettere la soddisfazione alla fine quando sono li belli caldi e tantoi ma tanto golosi ed i tuoi lo osno di sicuro hanno un aspetto strepitoso!!!Un bacione e che voglia adesso di un buon cornetto sfogliato!!
    Imma

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Imma :) non avevo mai atteso così tanto per un dolce, il giorno dopo a scuola ero uno zombie ma avevo un sorriso stampato in faccia che non ti immagini :)
      eheh, piccole soddisfazioni.. un bacione :)
      ho visto i tuoi nel blog, belliiiiii <3 io non vedo l'ora di rifarli :)
      a presto!

      Elimina
  2. sembrerebbero della miglior fattura!!!
    guarda... ne verrei a prendere uno al volo!!
    ciao

    elisa

    RispondiElimina
  3. i cornetti sono bellissimi, ma la terzultima foto, il diario di mamma tutto sbriciolato... è commovente :)
    buona giornata!
    tam

    RispondiElimina
    Risposte
    1. addirittura?!? wow :D
      grazie! un bacio!

      Elimina
  4. Sono venuti benissimo, belli come quelli del bar ma più genuini e sani, perchè fatti con le tue mani! Complimenti anche per le foto... quando vedo una penna stilografica e un foglio pieno di parole mi emoziono... :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sii, diciamo che sani sani non lo sono data l'elevata quantità di burro.. ma ci sta tutta :P buonissimi! provali e non te ne pentirai, Paoletta è un'assicurazione :) grazie mille per essere passata!
      un bacio!

      Elimina
  5. Foto incantevoli, ricetta golosa, libricino romantico, atmosfera d'altri tempi, descrizione del croissant impeccabile, assaggio paradisiaco....che dire? Mi hai fatto sognare Silvia.
    I croissant mai fatti ma il pan au chocolat sì e capisco l'attesa e la lavorazione dell'impasto, della lievitazione, tripla nel mio caso, un tutto insieme che alla fine ti lascia senza parole, come il tuo post.
    Buona giornata anche a te,
    Vale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. <3 i pain au chocolate saranno una delle prossime tappe :) come mai hai dovuto aspettare il triplo?!? la pasta no è la stessa? hai forse usato il lievito madre?
      comunque grazie per i complimenti tesoro, un abbraccio e un bacio!
      a presto :)

      Elimina
  6. Assaporare un cornetto sfogliato così ben fatto, dopo una notte di trepidazione, è una grande soddisfazione. Assaporarlo insieme alla gioventu' di tua madre, è assolutamente un'esperienza unica.
    So cosa si prova la prima volta dei cornetti, è quasi come superare un esame. Cara Silvia, se potessi darti un voto, ti darei un bel 10 e lode. La lode è per la passione che ci hai messo. :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. beh, se è come superare un'esame spero tanto che anche l'esame di quinta superiore sia così dolce, soffice e burroso.. quasi indolore anche se un po' impegnativo :;)
      incrocio le dita! grazie mille tesoro, un bacione!

      Elimina
  7. Silvia ma questi sono mille volte meglio di quelli del bar!!!! Complimenti davvero e foto stupende!! bravissimaaaa! bacio

    RispondiElimina
  8. Se questa è la prima prova, non riesco ad immaginare cosa verrà fuori quando ci avrai preso un po' la mano!! :D
    Mi sembrano perfetti, incantevoli e la loro perfezione è messa in risalto da questi scatti così accurati ed intimisti...sembra proprio di assaporare il silenzio della tua cucina alle prime luci dell'alba! Bravissima!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedremo cosa combinerò :) grazie mille per i complimenti Alessandra, sono contenta di riuscire a trasmettere ciò che provo :)
      un bacione! a presto :)

      Elimina
  9. Ma complimenti!! Tra i più belli che abbia visto in giro!! Bravissima!!

    RispondiElimina
  10. Sono assolutamente senza parole...6 troppo brava!!!!

    RispondiElimina
  11. Irresistibili (e le foto sono veramente stupende), ma ti è scappata una "h" nella prima riga dopo la prima foto...

    RispondiElimina
  12. Beh ma sei bravissima!!! E le foto sono un vero incanto!!!
    Super post - super brava! Baci, Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Robi :) troppo gentile :)
      bacione <3

      Elimina
  13. ciao cara, questi croissants non sono belli, sono eccezionali....complimenti per la sfogliatura perfetta e per le foto che lasciano senza fiato! davvero complimenti, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Ale :) sei troppo gentile :) n realtà devo ancora migliorare un po' di cose, ma accetto volentieri i complimenti :) chissà che prossima volta vengano meglio! bacio :)

      Elimina
  14. Ciao Silvia...a bocca aperta ti faccio i miei complimenti.. foto meravigliose..e quanto mi piacciono i cornetti fatti in casa, anche io ogni tanto li preparo.. ci vuole un pò di pazienza ma poi che soddisfazione... un abbraccio Dani :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Daniela :) vedo che non sono l'unica pazza a prepararli :)
      un bacio!

      Elimina
  15. Bellissimo post, una preparazione che mi spaventa da sempre... ma tu sei stata bravissima :)
    Le foto poi mi piacciono davvero tanto!
    un bacione cara :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Ilenia, non pensare che non spaventasse anche me! solo che se mai si prova mai si saprà.. in realtà basta seguire qualche accortezza in più e prendersi una bella giornata di ferie! il resto vien da sé.. sicuramente serve un po' di pratica ma non sono impossibili :)
      provaci dai! Un bacio!

      Elimina
  16. Una sola parola: INCANTATA!!! Belle le foto, perfetti i cornetti, sei stata super ad esserti svegliata presto, sono sicura diventerai bravissimissima! <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh beh, di solito mi alzo verso le 5.30-6.00 per cui non è stato un sacrificio così grande :) comunque grazie mille Simo, un bacione! <3

      Elimina
  17. quanto sei brava ti ammiro e mi paicciono le tue foto il nuovo look l'atmosfera, mi piace troppo passare da te. I cornetti non so se li farò mai. Intanto mi godo questi set di grande impatto alla Virginia Woolf. bravissima Silvie <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Woo, addirittura :) grazie mille Monica <3 grazie per il complimentone ) devo lavorarci ancora per il set a mi sto impegnando :) un bacione
      p.s: provali i cornetti e non te ne pentirai!
      <3

      Elimina
  18. Ti sono venuti benissimo! Ho fatto il corso con Paoletta qualche anno fa e ricordo benissimo questi croissant, me li hai fatti tornare in mente e li rifarò di sicuro. Brava, bellissime anche le tue foto, complimenti

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, anche a me piacerebbe moltissimo seguire un corso di Paoletta <3
      deve essere bellissimo!!
      grazie per i complimenti, un bacio!

      Elimina
  19. Ma quanto sei brava??? E le foto??? Stupende!!!

    RispondiElimina
  20. Risposte
    1. <3 grazie :) credo sia perchè mi piace davvero tanto :D

      Elimina
  21. Ohh me agrada mucho tomar chocolate o cafè con croissants es una exquistez de lujo te invito a mi cocina chilena,abrazos

    RispondiElimina
  22. complimenti! complimenti davvero, post stupendo, foto incredibili... cornetti... meravigliosi se è poi il tuo primo lievito non oso pensare come sarà il secondo! cercavo i cornetti sfogliati ma i tempi lunghi mi respingevano, arrivo da te e infatti capisco che non ce la posso fare ad alzarmi alle 3 di notte per fare le pieghe, o mi studio bene i tempi o aspetto a fare i cornetti....
    grazie, mi aggiungo immediatamente ai tuoi followers!
    Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao sandra, bevenuta nel mio blog :) grazie mille per i complimenti, sei molto gentile :) mi fa piacere che tu ti sia aggiunta ai miei followers, che ne dici di partecipare anche al mio contest del mese di maggio? sarebbe un'ottima idea per conoscerci un po' ;)
      Comunque questi cornetti sono si una sfaticata pazzesca, poi però hanno un sapore unico!! Ti dirò, non sono uno dei miei lievitati preferiti che ho fato fino ad adesso.. devo provare a farli di solo pasta sfoglia, magari i croissant mi piacciono di più ;)
      Un bacione, ti aspetto prossimamente!
      Buona notte!

      Elimina