14.7.14

Dessert al lime, nocciole e amarene

Mancano solo gli ultimi oggetti per completare la valigia.
Vestiti e cartine varie della città sono già riposti accuratamente, un po' compressi per risparmiare spazio.
La reflex, carica, aspetta di essere riempita fino all'ultimo con tanti ricordi di quella che sono sicura sarà un'esperienza indimenticabile.
Il viaggio di maturità chiama a squarciagola, Parigi arriviamo!

Nocciole, amarene e lime. Colori italiani e sapori freschi. Una base un po' burrosa e croccante, una crema leggermente acidula e un cuore dolce. Immancabile l'oro sull'amarena che corona il tutto.


Mercoledì si parte, otto giorni in Francia. Ancora non ci credo e probabilmente non ci crederò finché non avrò messo piede a Parigi.
Però, prima di partire, ho un impegno ben preciso che ho rinviato per troppo tempo causa scuola, studio e impegni vari.. ma finalmente eccomi qui a partecipare al contest imperdibile delle bloggalline "La cucina italiana nel mondo, verso l'expo 2015". Una grande famiglia quella delle bloggalline, che ma avrei pensato potesse esistere, un luogo un cui chiacchierare, condividere e sorridere. Uno spazio virtuale ma che non manca di diventare reale con incontri e pranzi di raduno.. 

Questo non è un dessert maestoso, di quelli super elaborati o dai mille sapori. Avevo bisogno di un dolcetto semplice e senza pretese, un piccolo sfizio goloso che ha allietasse il pranzo domenicale in famiglia.




Dessert al lime, nocciole e amarene (dosi per 9 monoporzioni):

Gelatina alle amarene - dose per 9 mini semisfere - opzionale (vedi note)
27 amarene sciroppate Fabbri (3 x semisfera)
60 ml di sciroppo di amarene
40 ml acqua
3 g gelatina in foglia reidratata in 12 ml d'acqua

Mettete a reidratare la gelatina in fogli in 12 ml d'acqua fredda per 10 minuti.
Nel frattempo unite in un pentolino l'acqua con lo sciroppo delle amarene, riscaldate a fuoco moderato. Quando la gelatina sarà pronta strizzatela e aggiungetela al liquido non bollente. Fatela sciogliere completamente quindi versate il composto in 9 semisfere di 3.5 cm di diametro. Aggiungete in ogni semisfera 3 amarene, intere o a pezzetti, accuratamente sgocciolate e riponete in frigo a solidificare.

Sablé breton alle nocciole (adattata da una ricetta di Philippe Conticini) - dose per 9 dischi di 8 cm di diametro
175 g burro a t.a.
90 g zucchero a velo
80 g farina nocciole
2 tuorli t.a.
125 g farina 00
1 pizzico di sale

In una ciotola mescolate con una spatola in silicone il burro con lo zucchero fino ad ottenere una crema morbida e omogenea; aggiungete quindi la farina di mandorle e amalgamate bene. Unite un tuorlo d'uovo per volta assicurandovi di farli assorbire completamente dall'impasto. Unite infine la farina in due riprese e il sale.
Stendete l'impasto tra due fogli di carta da forno fino ad uno spessore di circa 6-7 mm e mettete in frigo mezz'oretta.
Accendete il forno a 170°C, riprendete la pasta e tagliatela con dei cerchi di acciaio. Fate cuocere i vari dischi all'interno dei cerchi altrimenti l'impasto perde la forma. Il tempo di cottura è indicativamente di 15-20 minuti.

Crema al lime
300 g panna fresca fredda
150 g mascarpone
3 cucchiai di zucchero a velo
3 lime (solo buccia)

Sbattete il mascarpone con una frusta per renderlo cremoso e morbido. Mettete nella planetaria tutti gli ingredienti e azionatela. Montate per qualche minuti finché la crema risulterà soffice e spumosa.

Montaggio del dolce
Disponete un po' di crema al lime sopra ogni disco di sablé breton, quindi adagiatevi sopra la semisfera di gelatina. Ricoprite interamente con la crema al lime usando una sac à poche con beccuccio liscio (il mio era di 13 mm). Decorate la cima con una ciliegina sciroppata e un po' di foglia d'oro per uso alimentare. Conservare in frigo per un massimo di 2 ore (trascorso questo tempo la sablé tende a diventare troppo morbida e umida).
Prima di servire aggiungete un cucchiaio di sciroppo delle amarene su ogni dessert.

note:
In alcune monoporzioni ho sostituito la gelée con delle amarene tagliate a pezzetti. Il risultato dal punto di vista dei sapore è pressoché simile, cambiano ovviamente le consistenze e l'estetica del dolce, sarà più difficile creare una "cupoletta" di crema regolare. Ho provato entrambe le versioni perché papà non ama affatto le gelatine.

In questa foto vedete la semisfera di gelée, purtroppo non ho avuto modo di fotografare il dessert con all'interno i pezzetti di amarena sciroppata.. tutte e nove le monoporzioni sono sparite in un attimo!

Con questa ricetta, partecipo al contest : "La Cucina Italiana nel Mondo verso l'Expo 2015", organizzato da  Le Bloggalline, in collaborazione con INformaCIBO.


à bientôt!

Silvia


33 commenti:

  1. Ciao Silvia!!!
    Golosissimo!!!! Mi piace l'abbinamento tra l'intensità della nocciola , la freschezza del lime in un composto cremoso e irresistibile e quel cuore dolce d'amarena!!! Brava!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Mari, non sai quanto piacere mi faccia ricevere i tuoi complimenti.. un bacione!

      Elimina
  2. Non sarà maestoso...ma è spettacolare! Bravissima e buona Parigi!

    RispondiElimina
  3. Buongirono Silvia...sarà che io per la frolla vado matta...ma trovo che la "semplicità" di una frolla con sopra qualche ciuffo di golosa mousse porti sempre a dolci eleganti e golosi.
    esattamente come questo tuo di oggi. Mi piace un sacco.
    (per non parlare delle foto...ma come si fa???)

    buon viaggio! ciao! Ele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, frolla e paste simili sono davvero unici, e io li sto rivalutando un sacco negli ultimi mesi. Prima non mi stavano molto simpatici e non mi riuscivano mai.. ora invece credo di essere entrata un po' in sintonia con loro ;) e non ti dico questa sablé breton.. si scioglie in bocca che è una meraviglia!
      Delle foto non ne parliamo va.. che queste così bianche non mi appartengono per niente ma ho voluto provarci ;) presto torneranno le mie amate foto "moody" :)
      grazie di essere passata, un bacio!

      Elimina
  4. Che delizioso abbinamento..mi hai fatto venire l'acquolina :_P
    Buone vacanze cara <3

    RispondiElimina
  5. mamma mia che meraviglia questo dolce!
    Complimenti e buone vacanze!

    RispondiElimina
  6. ahahah e ci credo che sono sparite! è già buono che tu sia riuscita a fotografarne una...anche da me succede spesso e sono costretta a rubare i piatti di nascosto ahahahah
    che bello! Parigi! vedrai come starai bene, la vacanza dopo tanta fatica è proprio rilassante!
    un bacione e buona vacanza
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sii, Simo, anche io devo nasconderli oppure attaccare cartelli sopra i loro contenitori invitandoli a non mangiare i dolci. Siamo folli, c'è poco da fare :)
      Un bacione, buona serata!

      Elimina
  7. Ciao Silvia, meraviglioso il tuo dessert! Grazie per aver partecipato, complimenti e in bocca al lupo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a voi amiche :) crepi il lupo!

      Elimina
  8. Ciao Silvia!! Io ti adoro!! Hai delle foto meravigliose, solo a guardarle mi viene voglia di abbuffarmi di questi splendidi dolci! Parigi è bellissima, io me ne sono letteralmente innamorata! Buon viaggio carissima!!

    Marta http://chedolcefai.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Marta, sei gentilissima!
      Non vedo l'ora di innamorarmi anch'io di Parigi..
      Bacio e buona serata

      p.s.: sei parente di Martina Varotto? :D

      Elimina
  9. Bello il tuo dessert cara Silvia.
    Che bello Parigi, io in otto giorni ne tornerei ingrassata di 8 kg! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Temo succederà veramente :D hahaha, sono troppo golosa e penso eliminerò completamente i cibi salati!!
      un bacio e buona giornata!

      Elimina
  10. Il tuo dolce è divino! *_*
    Ciao! :) Mi unisco molto volentieri ai tuoi lettori... le ultime ricette che stanno arrivando per il contest sono pazzesche! Proprio come il tuo.. Deve essere buonissimo!
    Silvia, se ti va, se hai tempo mi farebbe piacere se passassi a trovarmi, per dirmi cosa ne pensi del mio blog nato da poco, delle foto (mi giustifico a priori poiché le scatto con un cellulare xD), delle grafica del blog che ho fatto tutto da sola. Ne sarei felicissima! Ti lascio il link: momentisenzaglutine.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrivo arrivo, grazie mille per i complimenti, ho notato anch'io che le ultime ricette che stanno arrivando sono delle vere bombe ;)
      un bacio e buona serata!

      Elimina
  11. Parigi, che meraviglia! *.*
    Anch'io sto smaniando per fare un viaggetto da qualche parte, ancora non ho organizzato nulla ma ho davvero tanta voglia di partire.
    Fai buon viaggio, divertiti e soprattutto scatta tante belle fot che non vediamo l'ora di vedere!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuro! ho già svuotata la reflex, mi farò riconoscere come turista!
      Credi a me, un viaggio è la miglior cura per tutti i mali.. e almeno i soldi li spendiamo in cultura e divertimento piuttosto che darli tutti alle case farmaceutiche ;)
      Un bacione! a presto!

      Elimina
  12. tutta una scoperta di profumi e sapori questo dolce.
    Goditi Parigi!
    sono andata anch'io per la prima volta durante il viaggio post-maturità e mi è entrata nel cuore!!
    ciao
    elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si Elisa, un dessert easy che tra l'altro si può preparare a pezzi.. è stata una settimana un po' pesante e avevamo proprio bisogno di un dessert che accontentasse tutta la famiglia ;)
      Un abbraccio, buona serata!

      Elimina
  13. lo trovo un dolce molto interessante!!! particolare con questi gusti un po' contrastanti!!! e molto bello da vedere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I contrasti sono fondamentali, altrimenti il dolce risulta piatto. Soprattutto in questo caso in cui ho voluto usare le amarene sciroppate, particolarmente dolci, il lime era indispensabile per bilanciare un po' i sapori :) alla fine è semplice, sono tre ingredienti che vanno a braccetto!
      Provalo se ti va, vedrai che è davvero facile!
      Un bacio, buona serata :)

      Elimina
  14. crei sempre dell meraviglie golose, bravissima e buona permanenza a Paris cara

    RispondiElimina
  15. Fantastico questo dessert, meravigliose le tue foto...
    Un abbraccio!
    Ila

    RispondiElimina
  16. Che ricetta intrigante, io amo le amarene ed il profumo del lime, e qui si sposano a meraviglia, con tutti quei contrasti di consistenze, a partire dalla base croccante di nocciole.
    Brava, bel dessert, equilibrato e soffice, e con tante foto luminose e aggraziate!
    Buone vacanze!

    RispondiElimina
  17. Che meraviglia, tre ingredienti super che adoro, buon viaggio, che bei ricordi!!!

    RispondiElimina
  18. Dolcissima Silvia,
    dolce semplicemente fantastico. Si mangia con gli occhi e speriamo anche con la bocca. Perchè lo devo fare assolutamente. Una cosa, le nocciole dove sono inserite? Sbaglio a leggere? Ho letto mandorle.

    Buone meritate vacanze nella bella Parigi, mi piace molto la Francia. Baci Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna, grazie mille per i complimenti e per la precisazione. Hai ragione, ho scritto male nella ricetta, ho corretto!
      Fammi sapere se ti piacciono, un bacio e buona giornata :)

      Elimina
  19. Ciao Silvia, io riparto per Londra alla ricerca della clotted cream da portare a casa, a presto

    RispondiElimina
  20. fantastico dolce,buona vacanza

    RispondiElimina
  21. ciao Silvia che carino e ricco di cose belle il tuo blog, ti ho scoperta grazie ad una ricerca e ne sono felice perchè ho ritrovato tante golose tentazioni ti sei conquistata una nuova fans a presto rosa di kreattiva
    se ti va vienimi a trovare nel mio mondo ;-)

    RispondiElimina